Bonus ristrutturazioni 2020: le agevolazioni fiscali concesse per lavori in casa

Il testo della nuova Legge di bilancio 2020 ha confermato tutti i Bonus Casa senza modifiche, tra i quali il Bonus mobili ed elettrodomestici e l’Ecobonus, ma anche il Bonus Ristrutturazioni 2020, grazie al quale è possibile ottenere detrazioni per lavori di ristrutturazioni in casa. Ma come funziona? E a chi spetta?

Bonus Ristrutturazioni 2020: come funziona e a quanto ammonta.

Il Bonus Ristrutturazioni è un’agevolazione fiscale che consiste in una detrazione del 50% sulle spese sostenute, per un massimo di 96.000 euro, dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2020. Per ottenere la detrazione è necessario effettuare il pagamento delle spese mediante bonifico e l’importo della detrazione stessa sarà suddiviso in 10 quote annuali.

Il Bonus Ristrutturazioni è stato prorogato fino al 31 dicembre 2020, senza alcuna modifica ai requisiti e alle modalità di fruizione. L’unica novità è rappresentata dal fatto che dal 1° luglio, in riferimento a quanto scritto nel testo del Decreto Crescita 2019, per i soli interventi di risparmio energetico è possibile ottenere anche lo sconto immediato in fattura al posto della detrazione in 10 anni.

A chi spettano le agevolazioni fiscali.

Il Bonus Ristrutturazioni spetta a tutti i contribuenti, non solo ai proprietari degli immobili oggetto di interventi di ristrutturazione, quindi anche:

  • ai familiari conviventi;
  • ai coniugi separati;
  • ai conviventi non proprietari degli immobili né titolari di un contratto di comodato.

Nel dettaglio, la detrazione è applicabile a:

  • soci di cooperative;
  • imprenditori individuali e imprese familiari, purché l’immobile non sia strumentale o merce;
  • società semplici;
  • società collettive.

Quali lavori di ristrutturazione sono ammessi in detrazione.

Viene applicato il Bonus Ristrutturazioni 2020 ai seguenti interventi:

  • manutenzione ordinaria e straordinaria;
  • restauro e risanamento conservativo;
  • ricostruzione o ripristino degli immobili danneggiati;
  • realizzazione di autorimesse o posti auto;
  • interventi volti all’eliminazione di barriere architettoniche (ascensori, montacarichi…) per favorire l’installazione di strumenti idonei alla mobilità interna ed esterna per portatori di handicap;
  • riparazione di impianti per la sicurezza domestica e lavori per la prevenzione di atti illeciti;
  • interventi finalizzati alla cablatura e al contenimento dell’inquinamento acustico degli immobili, al risparmio energetico e all’adozione di misure antisismiche;
  • installazione di strumenti di rilevazione del gas.

Oltre a queste, sono soggette alla detrazione anche le spese sostenute per:

  • progettazione;
  • prestazioni professionali;
  • acquisto dei materiali;
  • perizie e sopralluoghi;
  • urbanizzazione.

Non è invece applicabile il Bonus sulle spese sostenute per effettuare traslochi o per la custodia dei mobili.

Come ottenere le detrazioni per ristrutturazione: tutti i documenti.

I documenti utili per ottenere il Bonus Ristrutturazioni, da conservare e presentare in caso di controllo dell’Agenzia delle Entrate, sono:

  • la domanda di accatastamento dell’immobile;
  • le ricevute di pagamento dell’IMU, l’Imposta Municipale propria;
  • la delibera dell’assemblea condominiale e la tabella di suddivisione delle spese;
  • la dichiarazione di consenso all’esecuzione;
  • le concessioni e le autorizzazioni allo svolgimento dei lavori o la dichiarazione sostitutiva con riferimento alla data di inizio dei lavori e alla compatibilità con le spese ammesse al Bonus;
  • la ricevuta di invio della Comunicazione ENEA, l’agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile.

Per il conseguimento del Bonus, come anticipato, il contribuente deve pagare i lavori di ristrutturazioni tramite bonifico, indicando il codice fiscale del beneficiario e di chi esegue i lavori, oltre ovviamente alla causale. In caso di interventi su condomini, vanno aggiunte anche le informazioni relative al codice fiscale del condominio e dell’amministratore.

Fonti

Agevolazioni per le ristrutturazioni edilizie – Agenzia delle Entrate

“Bonus ristrutturazione edilizia 2020: novità, requisiti, detrazione 50%” – The Italian Times