L’Olanda è meta virtuosa per quanto riguarda piste ciclabili e turismo sostenibile. Nimega è stata eletta capitale verde europea 2018

Fonte immagine

La pista verso un futuro più pulito sembra essere già stata tracciata in Olanda. Sali in sella, il viaggio comincia.

Olanda in bici: gli itinerari più originali

Il Paese per eccellenza della bicicletta è destinato a esserlo anche per i prossimi 4 anni. Il governo ha recentemente investito 100 milioni per incentivare gli olandesi a usarla ancora di più.(1)

E con questi itinerari, non sarà difficile convincerli.

• Salita sul tetto della scuola

Per stimolare i genitori a portare i propri figli a lezione sulle due ruote, a Utrecht hanno costruito un ponte ciclabile che passa sopra la scuola stessa. Si chiama “Dafne Shippers”, in onore della velocista locale due volte campionessa del mondo, è lungo 110 metri circa e attraversa aree verdi per offrire una vista panoramica ancor prima di arrivare in cima all’edificio. (2)

L’Olanda è meta virtuosa per quanto riguarda piste ciclabili e turismo sostenibile. Nimega è stata eletta capitale verde europea 2018

Fonte immagine

• Sulla scia di Van Gogh

Liberamente ispirata al quadro “La Notte Stellata”, la Van Gogh Path di Nuenen è una pista ciclabile che di sera diventa fosforescente grazie alle rocce che la compongono, in grado di immagazzinare luce durante il giorno e rilasciarla dopo il tramonto. L’opera si trova nella regione del Brabante, dove il celebre pittore è nato.

Fonte video 

• Ciclo e riciclo

A Zwolle si trova la Plastic Road, la prima pista ciclabile al mondo fatta in plastica riciclata, equivalente a 218.000 bicchieri e 500.000 tappi.(3)

Dal 2013 i suoi ideatori, Anne Koudtaal e Simon Jorritsma, stanno lavorando al progetto, che ha visto finalmente la luce nel settembre di quest’anno.

Anne e Simon all’inaugurazione hanno dichiarato che si tratta di “un grande passo verso la sostenibilità”. E anche una bella pedalata per l’uomo.

L’Olanda è meta virtuosa per quanto riguarda piste ciclabili e turismo sostenibile. Nimega è stata eletta capitale verde europea 2018

Fonte immagine

Il giro d’Olanda alternativo

 Non c’è solo Amsterdam: ecco altre tappe che meriterebbero una sosta.

• ReGen, il primo eco-villaggio al mondo al 100% autosufficiente.

L’Olanda è meta virtuosa per quanto riguarda piste ciclabili e turismo sostenibile. Nimega è stata eletta capitale verde europea 2018

Fonte immagine

Per ora quello che vedi è solo un render, dal momento che ReGen sarà pronto non prima del 2019, ma già sappiamo che si tratterà del primo eco-villaggio moderno totalmente indipendente a livello energetico.

Non solo: verdura e frutta saranno a km 0 e i loro scarti verranno utilizzati per ottenere compost da reimmettere nelle coltivazioni. La pioggia non andrà perduta, ma verrà immagazzinata per poi essere distribuita all’occorrenza a orti e giardini. Un’economia perfettamente circolare, insomma.(4)

• Nimega, la capitale verde europea del 2018.

L’Olanda è meta virtuosa per quanto riguarda piste ciclabili e turismo sostenibile. Nimega è stata eletta capitale verde europea 2018

Fonte immagine

Dalla “visione appassionata, chiara e convincente”, come da definizione della giuria che l’ha eletta capitale verde d’Europa, Nimega vuole diventare a impatto climatico zero entro il 2045. Nel frattempo può già contare su 60 chilometri di autostrade ciclabili e su cittadini cooperativi: il 65% di loro si reca in centro o al campus universitario pedalando.(5)

Qui si svolge la più grande marcia del pianeta: la Quattro Giorni di Nimega – o, se preferisci, l’Internationale Vierdaagse Afstandsmarsen Nijmegen – vede ogni anno la partecipazione di decine di migliaia di persone.(6)

Se ti capiterà di venire in quella che è anche la più antica città olandese, non mancare di far visita al muZIEum, dove non vedrai letteralmente un bel nulla, ma potrai provare com’è essere ciechi o ipovedenti, riscoprendo gli altri sensi. 

• Giethoorn, il paese anti-smog.

L’Olanda è meta virtuosa per quanto riguarda piste ciclabili e turismo sostenibile. Nimega è stata eletta capitale verde europea 2018

Fonte immagine

Certo è facile bandire le auto, se nella tua città non scorrono strade ma canali. A Giethoorn ci si muove solo a piedi, in bicicletta o al massimo in barca e questo significa non solo aria più pulita, ma anche ritmi di vita più tranquilli e meno stressanti.

È la meta perfetta per chi sente il bisogno di staccare un po’ e ritrovare il contatto con la natura. Situata all’interno del parco Weerribben-Wieden, vanta anche un ristorante stellato, il De Lindenhof, raggiungibile a bordo di un punter, la tipica imbarcazione del posto.(7)

 

Fonti

  1. “L’Olanda non smette di sorprendere: 100 milioni in mobilità ciclabile” Lifegate.it
  2. “L’Olanda ha un ponte ciclabile che passa sul tetto verde di una scuola” Lifegate.it
  3. “La pista ciclabile? È fatta con 500 mila bottiglie di plastica, in Olanda la prima” Corriere.it
  4. “ReGen Village: ecovillaggio moderno alle porte di Amsterdam” Architetturaecosostenibile.it
  5. “Nimega, la città più antica dei Paesi Bassi è la Capitale verde d’Europa 2018” Lifegate.it
  6. “Quattro giorni di Nimega” Wikipedia.org
  7. “Giethoorn” Holland.com