simboli sul telecomando condizionatore

I principali simboli del condizionatore: selezione modalità

Il condizionatore è uno dei nostri migliori alleati durante il caldo estivo, ma rinfrescare gli ambienti di casa non è la sua unica funzione. Esistono, infatti, una serie di modalità tra cui è possibile scegliere, sia che ci serva per riscaldare o deumidificare le stanze e, perché no, ridurre anche i consumi di energia in bolletta: scopriamo le varie opzioni possibili in questa mini-guida.

Aria fredda: modalità raffreddamento – Cool

Simbolo Raffreddamento Condizionatore

Solitamente questa funzione ha come simbolo un fiocco di neve: infatti, è la modalità che consente di raffreddare gli ambienti e trovare sollievo nelle giornate più calde.

Aria calda: modalità riscaldamento – Heat

Simbolo modalità riscaldamento

Il condizionatore può rivelarsi un valido supporto anche durante la stagione fredda: selezionando la modalità heat (indicata dall’icona di un sole) andremo ad attivare la pompa di calore per riscaldare gli spazi.

Simbolo deumidificatore: modalità Dry

Simbolo Deumidificatore Condizionatore

Se, invece, preferiamo semplicemente deumidificare l’aria, la funzione dry fa al caso nostro. Cliccando sul simbolo delle tre goccioline il nostro condizionatore andrà a togliere l’umidità in eccesso: un’ottima soluzione da adottare perché ci permette di consumare meno energia e risparmiare sulle utenze. 

Ventilatore: modalità Fan

Simbolo Ventilatore Condizionatore

Qualora preferissimo far girare l’aria nelle stanze, senza alterarne la temperatura, sarà sufficiente cliccare sull’immagine della ventola: in questo modo avremo selezionato la modalità fan che corrisponde, appunto, alla funzione del ventilatore.

I simboli per regolare il condizionatore

Ora che abbiamo visto quali sono i programmi possibili, andiamo a vedere come poterli regolare, in base alle proprie esigenze.

Regolare la temperatura

A seconda che vogliamo un ambiente più o meno freddo – o caldo – sarà sufficiente cliccare sui tasti + e indicati sul telecomando del condizionatore. Con il tasto “più” andremo ad aumentare di qualche grado, viceversa, con il tasto “meno” andremo a ridurre la temperatura nella stanza.

Regolare la velocità: tasto fan

Grazie alla modalità fan potremo, invece, regolare anche la velocità delle ventole: solitamente è possibile combinare questa funzione con quella di raffreddamento, riscaldamento e auto.

Regolare le alette: tasto swing

Per una maggiore sensazione di comfort possiamo andare a modificare anche la direzione del flusso dell’aria: è consigliato impostare le alette verso l’alto durante la fase di raffreddamento e verso il basso durante quella di riscaldamento. Inoltre, per far sì che l’aria si distribuisca in maniera omogenea negli ambienti basterà cliccare sul tasto swing e impostare la modalità oscillante.

Altri simboli e funzioni avanzate

Finora abbiamo visto come impostare e regolare al meglio il nostro condizionatore, ma programmi e simboli non finiscono qui. Esistono una serie di funzioni avanzate che possono aiutarci a risparmiare sulle bollette e ricaricare al meglio le energie quando riposiamo.

Tasto Quiet

È possibile scegliere il programma quiet sia durante il raffreddamento che il riscaldamento: grazie a questa opzione il rumore emesso dall’unità interna verrà ridotto, diminuendo così il disturbo sonoro creato dallo split.

Modalità Sleep

La modalità sleep è particolarmente adatta per dormire sereni: durante la fase di assopimento il condizionatore manterrà la temperatura più bassa, per poi aumentarla durante il sonno vero e proprio. Infine, il flusso d’aria andrà in maniera alternata, così da agevolare il risveglio.

Modalità Eco o Risparmio Energia

Grazie alla modalità eco è possibile unire l’efficienza al risparmio energetico. In questo caso il climatizzatore regolerà il suo andamento in base all’effettiva temperatura riportata nell’ambiente, così da lavorare in maniera ottimizzata e ridurre i consumi.

Modalità Powerful o Turbo

Azionando la funzione powerful o turbo potremo raggiungere la temperatura desiderata nel minor tempo possibile: ad esempio, cliccando questo tasto quando lo split è già in fase di raffreddamento, aumenterà la velocità delle ventole per rinfrescare gli spazi quanto prima.

Timer condizionatore

Infine, selezionando il simbolo del timer (indicato da un orologio o una sveglia) potremo scegliere di accendere o spegnere il condizionatore all’orario che preferiamo.

 

Leggi anche:

Quanto consuma un condizionatore

Guida alla manutenzione dei condizionatori