Contatore gas: Come fare l’autolettura

La lettura del contatore gas è un’attività molto semplice. Questa operazione è utile per avere costi in bolletta in linea con il consumo reale e non in base a una stima.

Per effettuare l’autolettura del gas è necessario identificare il dato dal proprio contatore. Esistono due tipi di contatori, quello meccanico e quello elettronico. Vediamo di seguito come fare l’autolettura:

  • Se si possiede un contatore di tipo meccanico, è necessario annotarsi le cifre a sinistra della virgola. I numeri in rosso, alla destra della virgola, non sono importanti ai fini dell’attività.
  • Per il contatore gas elettronico, sarà necessario accendere il display e scorrere il menu fino a quando non si trova la voce VB.  In seguito, bisogna annotarsi i numeri alla sinistra della virgola. A questo punto si contatta il proprio fornitore del gas per poter comunicare l’autolettura effettuata.

Inviare la lettura del gas: come e quando farlo

È importante trasmettere la lettura in prossimità della bolletta del gas. Nella bolletta precedente è indicato il periodo in cui fare questa operazione. Con Accendi luce e gas, l’informazione la si può trovare a pagina tre. Solitamente le compagnie rendono disponibili numeri verde, indirizzi mail, oppure è possibile comunicarlo via app o nell’area clienti. Ecco come comunicare l’autolettura gas con Accendi luce e gas.

Principali tipologie e classi di contatore del gas

Le tipologie di contatori gas sono tre. La più diffusa è quello a membrana perché sono utilizzati principalmente nelle abitazioni domestiche. Altre tipologie sono a pistoni rotanti e a turbina, usati quando è richiesta una maggiore portata di gas. Le classi dei contatori gas per usi domestici sono tre: G4, G6, G10. Ognuna di queste classi definisce la portata di gas e potenza termica. Il contatore gas G4 è il più diffuso nelle residenze domestiche, mentre la G10 è quella utilizzata nei condomini.

Cosa accade se non viene effettuata l’autolettura

In caso di mancata lettura, la bolletta sarà determinata facendo una stima dei consumi, calcolata in base a letture precedenti. Chiaramente per pagare quello che si è effettivamente consumato è necessario fare una lettura puntuale, in modo da non avere sorprese.  Per questa ragione è molto importante rispettare i tempi di comunicazione dell’autolettura gas.

Devi comunicare l’autolettura?

Chiamaci al numero verde:

Leggi anche: guida all’allaccio gas

Leggi anche: quanto costa il gas al metro cubo