Il 21 Novembre è la Giornata Nazionale degli Alberi: scopri tutte le iniziative in Italia dedicate a questi esseri viventi importantissimi.

Fonte immagine

La Repubblica riconosce il 21 novembre quale «Giornata nazionale degli alberi» al fine di perseguire, attraverso la valorizzazione dell’ambiente e del patrimonio arboreo e boschivo, l’attuazione del protocollo di Kyoto.(1)

È l’incipit della Legge n. 10 del 2013 che istituisce in maniera pubblica e ufficiale la nascita di una giornata dedicata agli alberi. La loro presenza viene data spesso per scontata ed è difficile rendersi effettivamente conto di quanto siano vitali per noi: riducono le emissioni di CO2, le loro radici fortificano il terreno, le loro chiome ci fanno ombra nei giorni di sole mentre nei periodi di piogge incessanti trattengono l’acqua.

Dopo le recenti alluvioni e frane, si è iniziato a parlare delle connessioni tra questi fenomeni e i disboscamenti(2) che, combinati con i cambiamenti climatici, hanno causato terribili disastri in Italia (ne abbiamo discusso anche con Luca Mercalli qui).

Dal nord al sud dello Stivale, tuttavia, numerosi sono i segnali che dimostrano una nuova attenzione per le piante. Vediamone alcuni.

Una Milano sempre più verde

Nel corso di “Milano 2030”, una serie di appuntamenti che hanno avuto luogo a maggio alla Triennale, l’archistar Stefano Boeri ha lanciato il suo piano di forestazione urbana. Entro i prossimi 12 anni la città meneghina avrà 3 milioni di alberi in più, distribuiti in parchi, tetti verdi, parcheggi ed ex scali ferroviari riconvertiti in aree verdi.(3)

Nell’attesa di vedere il risultato, a ottobre in zona Porta Nuova ha aperto la Biblioteca degli Alberi, proprio di fronte al Bosco Verticale di Stefano Boeri (abbiamo parlato dei suoi giardinieri qui).

A Milano, la Biblioteca degli Alberi celebra la Giornata Nazionale degli Alberi 2018

Fonte immagine

All’interno di questa biblioteca a cielo aperto non ci sono libri, ma 500 alberi, oltre 135.000 piante di 100 specie diverse e 22 foreste circolari: per saperne di più è possibile seguire i percorsi che danno, oltre alle informazioni botaniche, diverse ispirazioni.(4)

Una casa attorno all’albero

Lo studio Carlo Ratti Associati ha annunciato che nei dintorni di Parma ristrutturerà una fattoria e la trasformerà in Greenary, la casa costruita non per stare su un albero, ma per girarvi attorno. Al centro del progetto, oltre che del soggiorno, c’è un ficus di 50 anni alto 10 metri. Si tratta di una pianta ritenuto sacra in diverse religioni; per i buddhisti, infatti, Siddharta raggiunse l’illuminazione proprio sotto un fico.(5)

Per il progetto The Greenery, una fattoria verrà ristrutturata attorno a un ficus alto 10 metri e vecchio di 50 anni

Fonte immagine

“Volevamo che il design riflettesse la nostra innata ‘biofilia‘, l’impulso naturale a connettersi con altre forme di vita, come sostiene il grande biologo di Harvard Edward O. Wilson. Con il Greenary, stiamo cercando di immaginare un nuovo paesaggio domestico costruito intorno al ritmo della natura.”

Carlo Ratti

La tecnologia dal pollice verde

Al Maker Faire 2018 di Roma è stato presentato TreeVoice, strumento che consente di registrare in tempo reale la situazione meteo, lo stato del terreno e dell’albero, in modo da poterne valutare la stabilità e intervenire prima di un’eventuale caduta.(6)

Anche nel Bosco di Piegaro, in Umbria, è stato impiantato un sistema di monitoraggio che ha reso 36 alberi “parlanti”. Grazie a Tree Talker, infatti, le piante sono in grado di trasmettere informazioni sulla loro salute, dalla loro crescita alle condizioni del fogliame. (7)

 

Fonti

  1. Legge n. 10 del 2013
  2. “L’Italia flagellata dal maltempo” L’Opinionista
  3. “La Milano del futuro? Tre milioni di alberi in più” Il Giorno
  4. “Milano: inaugurato il parco Biblioteca degli Alberi a Porta Nuova” Askanews
  5. The Greenary – Archilovers
  6. TreeVoice
  7. “In Umbria 36 alberi “parlanti” capaci di raccontare il proprio stato di salute” Umbria 24