Bonus Mobili ed elettrodomestici: tante le detrazioni fiscali sul loro acquisto

Bonus Mobili ed Elettrodomestici: cos’è, come funziona e novità del 2022.

Grazie alla nuova Legge di Bilancio anche quest’anno, e fino al 2024, sarà disponibile la detrazione Irpef del 50% per l’acquisto dei mobili e dei grandi elettrodomestici destinati agli immobili in ristrutturazione.

A differenza del 2021, quando il tetto massimo di spesa era a 16.000€, quest’anno il limite è fissato a 10.000€, comprensivi di trasporto e montaggio.

A chi spetta? Tutti i requisiti per accedere agli incentivi.

Possono richiedere il Bonus coloro che acquistano entro il 31 dicembre 2024 mobili ed elettrodomestici nuovi e che dal 1° gennaio dell’anno precedente a questi acquisti hanno realizzato interventi di ristrutturazione.

Bonus elettrodomestici: quale classe energetica scegliere?

Gli elettrodomestici oggetto della detrazione devono essere efficienti a livello energetico, ecco perché devono essere:

  • almeno di classe A nel caso di forni;
  • almeno di classe E nel caso di lavatrici, lavastoviglie e lavasciugatrici;
  • almeno di classe F nel caso di frigoriferi e congelatori.

Mobili nuovi

Rientrano nei mobili oggetti di Bonus anche:

  • letti e materassi;
  • armadi e cassettiere;
  • librerie e scrivanie:
  • tavoli e sedie;
  • divani e poltrone;
  • comodini e credenze;
  • apparecchi di illuminazione.

A quanto ammonta il Bonus? Gli importi detraibili.

La detrazione, che sarà ripartita in dieci quote annuali di stesso importo, è valida per un importo massimo di 10.000€ nell’anno 2022, 5.000€ nel 2023 e 2024.

Come richiedere il Bonus Mobili ed Elettrodomestici? Documenti e modalità di pagamento.

Per ottenere la detrazione è necessario indicare le spese sostenute nella Dichiarazione dei Redditi.

Inoltre bisogna comunicare all’Enea (l’Agenzia Nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile) gli elettrodomestici acquistati.

Le spese devono essere effettuate con pagamenti tracciabili, quindi con bonifico, carta di credito o debito. Non valgono, invece, assegni o contanti.

I documenti necessari

I documenti da conservare sono:

  • la ricevuta del bonifico o, nel caso di pagamenti con carta di credito o debito, dell’avvenuta transazione;
  • documentazione di addebito sul conto corrente;
  • fatture di acquisto degli elettrodomestici.

Entro quando richiedere il bonus

Hai tempo fino al 31 dicembre 2024 per acquistare i beni che rientrano nel Bonus.

 

Leggi anche:

Bonus Caldaia

Bonus Condizionatori

Bonus Stufa a Pellet

Legge di Bilancio 2022: i vantaggi per il settore energetico