10 trucchi per risparmiare sui consumi elettrici in casa

Fonte immagine

Sai qual è il principale fattore di crescita dei consumi energetici in casa? L’abitudine.

Più ripetiamo quotidianamente un gesto, più tenderemo a darlo per scontato e a sottovalutarne l’impatto, non applicando quelle piccole accortezze che potrebbero farci risparmiare.

Scopri come si può risparmiare energia elettrica con i nostri consigli.

1 – Distingui tra “spegnere” e “lasciare in stand-by”.

Possiamo dire di aver spento la TV quando è ancora accesa la luce rossa? Non esattamente; la differenza sta proprio nel fatto che lo stato di stand-by richiede comunque energia elettrica, seppur in minima quantità.

Controlla tutti gli elettrodomestici di casa valutando quanti sono sempre accesi e distinguendo quelli che per forza di cose devono rimanere tali (come il frigorifero) e quelli a cui possiamo staccare la spina (macchina del caffè, computer…).

Inoltre ricorda che anche il caricabatterie del cellulare, se attaccato alla presa di corrente, consuma.

2 – Aumenta la luce in maniera naturale.

Ti suggeriamo di accendere l’interruttore solo quando necessario e sfruttare la luce del sole più che puoi. Per aumentarne l’effetto, aggiorna l’arredamento di casa così:

Due_trucchi_per_la_luce_naturale

Altri_due_trucchi_per_la_luce_naturale

3 – Saluta per sempre le lampade alogene.

Dal 1° settembre 2018 le lampadine alogene ad alto consumo sono bandite, secondo la direttiva europea UE 244/2009 che vuole incentivare l’uso di alternative più eco-friendly.

L’ENEA ha stimato che così facendo l’Unione Europea risparmierà 48 TWh, pari al consumo di energia dell’intero Portogallo.

Nonostante ciò, i negozi hanno ancora la possibilità di vendere le vecchie lampadine fino ad esaurimento scorte. Fai attenzione al momento dell’acquisto e prediligi quelle a basso consumo, che durano anche molto più a lungo, permettendoti di ammortizzare meglio la spesa. Puoi scegliere tra lampade a fluorescenza o LED.

4 – Occhio al frigorifero.

Il frigorifero è uno degli elettrodomestici più energivori

Fonte immagine

È l’elettrodomestico più energivoro, ovvero che “mangia” più corrente elettrica. Per questo dovresti prestare particolare attenzione al tuo frigorifero. Probabilmente fa parte della famiglia da diversi anni ed è sempre lì, nel momento del bisogno. Ma sei sicuro che il posto dove l’hai collocato sia il migliore? Il frigo dovrebbe stare a circa 10 cm di distanza dalla parete e lontano da fonti di calore come caloriferi o forni. La sua temperatura interna, inoltre, dovrebbe attestarsi tra i 5 e i 6 gradi.

5 – Fai girare bene la lavatrice.

Fare il bucato è un dovere, ma ci sono piccoli trucchi coi quali possiamo evitare inutili sprechi di energia, oltre che di acqua. Uno di questi prevede l’utilizzo della lavatrice a carico pieno e preferibilmente di sera, soprattutto se hai una tariffa bioraria.

Calcola che per la maggior parte degli indumenti bastano 40 gradi e che più aumenti la temperatura, più aumenti il consumo energetico (oltre che il rischio di rovinare i capi).

Il prelavaggio? Si può anche farne a meno.

6 – Usa il condizionatore Q.B.

Conosciamo quella sensazione, quando il caldo ti attanaglia e vorresti vivere abbracciato al condizionatore. Però è bene non farsi prendere dall’emozione del momento e provare prima a usare la funzione “deumidificatore”.

Se non dovesse bastare a placare i tuoi bollenti spiriti, puoi procedere con l’accensione del condizionatore, a patto però di mantenerlo a una temperatura non troppo diversa dall’esterno. Uno scarto di 6 gradi massimi (o una temperatura non inferiore ai 26° C) basta sia a darci sollievo che a evitare spiacevoli ripercussioni sulla salute.

A proposito di salute, per mantenere in buono stato il condizionatore ricordati di pulirlo, cambiarne spesso i filtri e non ostruire le sue bocchette dell’aria.

7 – Usa il forno a puntino.

Probabilmente ad attirarti verso il modello di forno che hai attualmente sono state tutte quelle diverse modalità di cottura, ma sapevi che la migliore è solo una, ed è quella ventilata?

Mantiene la temperatura interna uniforme e accorcia così i tempi di cottura.

Quando il forno è acceso, cerca di trattenerti dall’impulso di aprire lo sportello per controllare a che punto è la pietanza e spegni pure un po’ prima del previsto: ci penserà il calore immagazzinato a fare il resto.

8 – Non stirare, anche per il bene del pianeta.

Quando abbiamo intervistato Silvana Santo, blogger di Una Mamma Green, abbiamo messo in discussione il ferro da stiro: è proprio necessario?

La risposta è no ed è confermata dal fatto che in Colombia è partita una campagna proprio per l’accettazione sociale dei capi stropicciati.

Per evitare troppe pieghe, puoi prestare più attenzione alla fase di stenditura, ma anche ai tessuti dei vestiti che compri.

Per il bene del Pianeta, non stirare.

9 – Fai acquisti di un certo livello (energetico).

Se stai valutando l’acquisto di un nuovo elettrodomestico, scegline uno a basso consumo o dalla classe A in su.

A proposito di etichette energetiche, sapevi che dal 1° marzo 2021 le classi A+, A++, A+++ scompariranno?

10 – Leggi la bolletta, davvero.

Secondo un’indagine di Facile.it, l’89% dei visitatori del sito ha dichiarato di non essere consapevole dei propri consumi energetici. Controlla sulla bolletta non solo l’importo da pagare, ma anche quanto usi effettivamente di luce e gas e approfitta del mercato libero per vedere quale tra le nostre offerte potrebbe fare più al caso tuo.

 

Se vuoi scoprire altri consigli utili, scarica gratis il coloring book di Accendi “Cominciamo a risparmiare: 10 regole da colorare” cliccando qui.

 

Fonti